Voi siete qui » Home » Novità ed eventi » Tutte le novità ed eventi » Intervista di approfondimento a Laurence Martin

Intervista di approfondimento a Laurence Martin

Scheda dell’Azienda

Nome: Brett Martin
Ubicazione: Sede centrale a Mallusk, nella Contea di Antrim
Settore: Costruisce prodotti in plastica destinati al mercato della costruzione, delle coperture, della stampa e delle soluzioni espositive.
Inizio attività: 1958
Organico: 720
Fatturato:  100 milioni di sterline

Ad oggi, quale è stato il risultato più importante per l’azienda?
Nel corso degli anni i risultati sono stati davvero tanti e, in realtà, non è detto che mi venga in mente quello commercialmente più interessante! Nel 2008 Brett Martin ha toccato il cinquantesimo anno di attività: si tratta di un grosso risultato, particolarmente se si pensa che restiamo una società a conduzione familiare. Mio padre ha fondato l’azienda nel 1958 cominciando a produrre lastre in plastica rinforzata con fibra di vetro. Da allora, siamo cresciuti diventando una società con sede locale ma con un respiro globale, specializzata nella produzione di prodotti in plastica – dai sistemi di drenaggio, alle coperture, ai supporti per cartellonistica, alle soluzioni espositive – che forniamo a distributori di tutto il mondo. Oggi contiamo sette stabilimenti nel Regno Unito e diamo lavoro a più di 700 persone. Ogni passo avanti, ogni progresso da noi fatto ha contribuito a questo risultato, facendo di noi la società di successo globale che siamo oggi.

Quali sono le aspettative dell’azienda a lungo termine?
Abbiamo fiducia nel futuro. Di fondo, si registra una significativa domanda di prodotti di nostra produzione e, continuando ad innovare e a sviluppare la gamma di prodotti in sintonia con la domanda di mercato, sono sicuro che potremo continuare a detenere la posizione di leader globale nei diversi mercati. Intendo dire che, per quanto a livello locale siamo conosciuti soprattutto per le soluzioni di drenaggio, il nostro stabilimento di Mallusk è comunque il principale sito di estrusione di policarbonato in Europa. Di fatto, le coperture in policarbonato Brett Martin sono presenti in alcuni dei più importanti stadi del mondo, compreso quello di Wembley e il campo da cricket Kensington Oval, nelle Barbados. Inoltre, le nostre coperture architettoniche progettate di precisione sono adatte a tutti i tipi di progetti edili, dalle scuole, agli ospedali, agli immobili di lusso.  La gamma Brett Martin è talmente versatile da essere presente ovunque, dai tetti per veranda, alle serrande antiuragano, agli scudi antisommossa... e perfino sul set di Harry Potter! Tutto ciò si traduce, per noi, in un’ampia gamma di opportunità in numerosi settori di mercato. Se aggiungiamo il fatto che possiamo contare su personale decisamente esperto e fedele e che negli ultimi anni abbiamo fatto continui investimenti presso la sede centrale di Mallusk per migliorare capacità e produttività, si può capire che continuiamo a “spingere”.

Che tipo di investimenti fate per migliorare le attività?
Anche nelle condizioni di mercato più difficili, Brett Martin ha continuato ad investire nelle sue imprese.  Questo è assolutamente fondamentale per garantire la competitività e assicurare la nostra sopravvivenza nel lungo termine.  Se smettessimo di investire, ci fermeremmo e, se questo dovesse succedere, la concorrenza ne approfitterebbe.  È proprio questo che Brett Martin non vuole.  Essendo un’organizzazione lungimirante ed ambiziosa, continuiamo ad investire in sviluppo di prodotti, in nuove attrezzature, nell’upgrade dei macchinari, in nuove linee di produzione e in nuovi impianti.  Solo quest’anno, in piena recessione internazionale, Brett Martin ha investito più di 2 milioni di sterline. Abbiano costruito ex novo un Centro Tecnologico destinato alla progettazione, all’Assicurazione Qualità ed al collaudo dei prodotti.  Nel 2010 metteremo in cantiere un impianto di produzione. Quest’anno abbiamo già investito ampiamente nello sviluppo di nuovi prodotti.  Abbiamo immesso sul mercato nuove tipologie di lastre isolanti in policarbonato, strutturate, a 10 pareti, caratterizzate dai valori U più bassi esistenti sul mercato. Inoltre, alla fine del mese, stiamo per lanciare un innovativo pannello per vetrate decorative al Batimat di Parigi, uno fra i più importanti saloni internazionali delle costruzioni.   Ancora, Brett Martin è all’avanguardia nella sperimentazione e nello sviluppo di soluzioni con prodotti riciclati in PVC espanso e PET, in risposta al mercato che chiede alternative ecologiche.

Per le imprese, la recessione è una sfida, ma può anche rappresentare un elemento che le farà emergere più forti quando l’economia tornerà a crescere. Secondo lei, quali sono i motivi di ottimismo?
Abbiamo capito quanto sia importante per noi essere un’azienda flessibile che pianifica per tempo e agisce con decisione. Ecco perché siamo riusciti ad affrontare la crisi e siamo in una buona posizioni per gli anni a venire. Il fatto che, in tempi tanto duri, siamo riusciti a restare in prima linea nel nostro settore mi fa sentire sicuro della nostra strategia commerciale.

Avete nuovi progetti in cantiere? Partecipate a qualche gara per le Olimpiadi di Londra?
Posso dire con piacere che stiamo lavorando a vari progetti per Londra 2012. Stiamo lavorando alla progettazione, produzione e fornitura di diverse centri sportivi. Abbiamo già fornito pannelli di copertura e rivestimento in GRP(cioè plastica rinforzata in fibra di vetro) trasparenti per lo stadio di calcio e rugby che è stato realizzato presso il Leigh Sports Village, un’opera da 83 milioni di sterline nel nord dell’Inghilterra, inserito nella London 2012 Pre-Games Training Camp Guide. Inoltre, tra gli altri progetti legati a Londra 2012, stiamo fornendo le coperture per il principale campo da pallacanestro che verrà utilizzato durante i giochi, coperture a botte per il centro acquatico di allenamento a Manor Park e rivestimenti in policarbonato per le passerelle perimetrali del principale campo di gioco.

Il comparto manifatturiero è stato tra i settori maggiormente colpiti dalla crisi... lei, vede qualche segno di ripresa o di recupero?
Brett Martin è una grossa azienda diversificata, il che significa che operiamo in numerosi mercati e settori differenti. Al momento alcuni mercati e settori industriali stanno andando meglio di altri ma, nel complesso, grazie alla nostra diversificazione, Brett Martin ha potuto fronteggiare la crisi economica che ha interessato il 2009.

In assoluto, qual è il miglior consiglio che le è stato dato?
Quello di agire tempestivamente e con fermezza a fronte delle condizioni di mercato variabili.

Quali sono i vantaggi di far parte di una società globale?
Grazie al vantaggio di lavorare in più mercati e settori, possiamo fronteggiare i momenti bui con più facilità, in quanto non tutti i settori vengono colpiti dalla crisi nello stesso momento. Questa è una recessione globalizzata e, di conseguenza, particolarmente critica, ma noi abbiamo risposto tempestivamente e correttamente e ci siamo assunti vari rischi calcolati che ci hanno posizionato molto bene, consentendoci di sfruttare quello che i mercati avranno da offrirci quando si riprenderanno.