Voi siete qui » Home » Plastic Sheets » Galleria progetti » Edilizia » Tettoie » Marlon CS in corsa per l’oro allo Stadio Olimpico

Marlon CS in corsa per l’oro allo Stadio Olimpico

Marlon CS Canopy London Olympic Stadium

Brett Martin, azienda leader nella produzione di materie plastiche, ha fornito oltre 21,000m2 di lucernari Marlon CS Longlife per la trasformazione di un'autentica pietra miliare: l'ex Stadio Olimpico. Il policarbonato ondulato Marlon CS Longlife è stato selezionato per fornire un sistema di copertura robusto, resistente e sufficientemente leggero da bilanciare la quantità di acciaio impiegata per creare la copertura a sbalzo più lunga del mondo di questo tipo.


Con una vasta gamma di caratteristiche, tra cui un rapporto eccezionale forza-peso, resistenza agli urti, resistenza agli agenti atmosferici a lungo termine, semplicità di lavorazione, prestazioni antincendio e trasmissione luminosa superiore al 90%, la specifica delle lastre in policarbonato Marlon CS Longlife ha consentito ai progettisti dello stadio di ottenere una struttura del tetto altrimenti irrealizzabile su questa scala.

Il progetto simbolo prevede una copertura di 44.000m² formata da due sezioni distinte – policarbonato e membrana monostrato – che percorre lo stadio in senso concentrico. Per la sezione anteriore, con inclinazione più accentuata, sono state fornite 4.484 lastre di Marlon CS Longlife in un profilo per stadi Brett Martin spesso 2mm e di larghezza speciale per soddisfare i requisiti specifici della campata del progetto.

Data la geometria complessa della copertura e la struttura unica dell'arcareccio, si è reso necessario il taglio rastremato del 38% delle singole lastre Marlon CS Longlife per adattarsi alla struttura intricata del tetto. Le 2.756 lastre totali hanno richiesto le rastremazioni di una o entrambe le estremità e spesso in direzione della lunghezza della lastra, in modo che le sovrapposizioni finali fossero allineate agli arcarecci.

Operando sullo stesso modello tridimensionale creato per produrre la struttura in acciaio, Brett Martin ha concepito un piano di taglio dettagliato comprendente un sistema di identificazione per abbinare ogni lastra tagliata alla posizione sul tetto. Una cella di produzione dedicata presso la struttura di estrusione del policarbonato di Brett Martin nella contea di Antrim era responsabile dei singoli tagli di 5.056 rastremazioni con un mix di 1, 2 o 3 tagli per lastra. Produzione e consegna delle 56 singole campate sono state scaglionate in un periodo di 12 settimane.

“La trasformazione dell'ex stadio olimpico è un concentrato di logistica in termini di produzione e consegna, con il taglio su misura di ogni lastra per creare 1.684 forme specifiche,” ha commentato Hayley Lowry, Marketing Manager, Brett Martin. “Ogni lastra è stata etichetta con un codice di collocazione unico per indicarne la posizione sul tetto e quindi impilata secondo l'ordine di utilizzo previsto per facilitarne l'installazione.”

Lo stadio rinnovato, la cui apertura è prevista a ottobre 2015 per ospitare la Coppa del mondo di rugby, chiuderà nuovamente i battenti per la fase finale della sua trasformazione. Dotato di una serie incredibile di lucernari adattati allo sviluppo di una pietra miliare come questa, lo stadio sarà la sede del West Ham United Football Club e il nuovo centro nazionale di atletica.


Richiesta in merito a questo progetto di riferimento

Ricerca Galleria progetti

Ricerca